Che fine hanno fatto le “casette dell’acqua pubblica” a Gallarate?

In seguito alle elezioni del 2011, sono state promesse più volte dall’Amministrazione cittadina, ma dopo oltre 3 anni di governo della città non sono ancora state realizzate nel territorio cittadino mentre nei comuni limitrofi (Somma Lombardo, Cardano al Campo, Besnate, Varese etc) sono state installate e dai numeri in nostro possesso risultano anche molto apprezzate dalla cittadinanza: sono le cosiddette casette dell’acqua!

casette acqua

Questi punti di vendita alla spina erogano 1 litro di naturale o gassata a 0,05 Euro consentendo un risparmio economico non indifferenze per le famiglie e aiutano l’ambiente grazie al risparmio di plastica che ne consegue, sono infine anche un punto di incontro e socializzazione.

Nei comuni dove sono state installate mediamente una casetta dell’acqua eroga almeno 600 litri al giorno il che vuol dire circa 600 bottiglie di plastica in meno da produrre, che fanno ben 18.000 al mese, numeri importanti che in alcuni casi sono persino maggiori.

Nell’Ottobre 2013 alla stampa è stato detto dai rappresentati del Comune che la Giunta ha  individuato ben 4 punti dove allestire le casette ma ad oggi tutto tace o quasi…

Il Comune ha demandato con la delibera di Giunta n. 170 del 14 Ottobre 2013 a Amsc spa l’installazione e la realizzazione in esclusiva degli erogatori d’acqua.

Il Movimento 5 Stelle Gallarate chiede al Comune quanto tempo ancora i cittadini devono attendere per veder finalmente realizzato un piccolo ma importante progetto che come tanti altri (Wi-Fi, Orti Urbani, ciclabili via Milano, salva pedoni via Noè, etc …) viene annunciato ma poi tempi si allungano notevolmente: sul sito di Amsc non risulta a tutt’oggi alcun bando specifico e soprattutto non vorremmo che la costituzione della Alfa S.r.l. nell’Ambito Territoriale Omogeneo per la gestione degli acquedotti della Provincia di Varese non comporti un ulteriore rinvio del progetto tanto atteso.

Gli attivisti del Movimento 5 Stelle così come i cittadini di Gallarate sono in attesa di poter finalmente risparmiare denaro e consumo di plastica come avviene da tempo negli altri comuni.

ATTIVISTI GALLARATE IN MOVIMENTO

Precedente ATO e acqua pubblica: qualcosa non torna... Successivo Gallarate, la sicurezza e il degrado

2 commenti su “Che fine hanno fatto le “casette dell’acqua pubblica” a Gallarate?

  1. giorgio roatta il said:

    Ricordo anche una promessa (scritta e protocollata in consiglio Comunale sul primo documento di intenti letto e presentato all’atto dell’insediamento di Guenzani)riguardo la viabilità in ZTL di veicoli elettrici……
    L’ordinanza della ZTL è stata rifatta da Bezzon ma nulla è comparso. Sapete che se passo a piedi spingendo la mia moto, a motore spento sotto le telecamere, sono sanzionabile?
    G.Roatta

I commenti sono chiusi.