Azione trasparenza sull’operato di AMSC e sanzioni ARPA  

Il Movimento 5 Stelle di Gallarate ha intrapreso dall’inizio del 2014 un percorso finalizzato alla trasparenza dell’operato di AMSC Ponendo particolare attenzione alle sanzioni emesse da ARPA Varese per violazioni ambientali asseritamente compiute durante la gestione degli acquedotti e del servizio idrico. Da quanto emerge le sanzioni emesse risultano da sempre prescritte, pertanto, non venivano mai pagate dalla medesima partecipata.
L’operazione trasparenza ha avuto inizio a fine gennaio con la verifica dei bilanci di AMSC e l’individuazione di una voce “Sanzioni” riferita all’anno 2013.
Non essendo prevista descrizione analitica di tale addebito, si è proceduto a metà marzo a inoltrare richiesta di accesso agli atti da parte della Consigliera Regionale Paola Macchi, indicando come limite di attesa il giorno 4 aprile 2014.

Amsc

Fermamente convinti sul diritto della cittadinanza a conoscere le motivazioni alla base della sanzione emessa, e non ricevendo risposta alcuna dagli interpellati, si è proceduti alla richiesta di documentazione in data 7 aprile 2014 direttamente a Raffaele Cattaneo, attuale Presidente del Consiglio della Regione Lombardia.
A tutt’oggi l’attesa della documentazione continua a protrarsi senza esiti, mentre con nostro enorme stupore abbiamo appreso in data 8 aprile solo dalla stampa, che Arpa sanzionava AMSC per presenza di arsenico nelle rete idrica di Golasecca.

A tal punto nascono spontanei una serie d’interrogativi:
– in primo luogo, perché ARPA non ha ancora fornito gli atti legittimamente richiesti dal M5S?
– in secondo luogo perché ARPA ha emesso le sanzioni AMSC con la formula “già in prescrizione”?
– per concludere, perché la cittadinanza non è stata informata di tale sanzione e della pericolosa presenza di sostanze tossiche nella rete idrica, tra le quali l’arsenico?

Il Movimento 5 Stelle di Gallarate chiede, a nome di tutti i cittadini, delle risposte puntuali da Amsc e da Arpa. La trasparenza sempre millantata da tutti i gestori delle aziende pubbliche, deve diventare un’abitudine spontanea di tutti gli amministratori perchè è un diritto dei cittadini che devono saldare  di tasca propria gli errori di dirigenti peraltro lautamente pagati.

Precedente Parte da Sesto Calende il #Vinciamonoi tour e il 26 Aprile arriverà a Gallarate per le Europee Successivo il 26 Aprile 2014 arriva a Gallarate il #vinciamoNoi tour